in questo sito vengono usati i cookies navigandonel sito accetti.

idee per cambiare il mondo una news alla volta

  • La (ir-)resistibile ascesa dell'erbicida glifosato

    La (ir-)resistibile ascesa dell'erbicida glifosato

    di Patrizia Marani

    Un'analisi delle strategie di marketing che hanno creato la crescente fortuna della Monsanto... e una parallela stellare presenza del glifosato nell'urina delle persone: 9 su 10 maltesi; 7 su 10 tedeschi, britannici e polacchi. 2a Puntata

    Leggi Tutto
  • Glifosato nel piatto, cancerogeno o no? La pista del denaro

    Glifosato nel piatto, cancerogeno o no? La pista del denaro

    di Patrizia Marani

    In occasione della recente condanna della Monsanto al pagamento di quasi 290.000 dollari in risarcimento dei danni subiti dal giardiniere quarantaseienne ammalato di cancro, cui sono stati dati due soli altri anni di vita, Perchebio ha realizzato un’inchiesta per capire se l'evidenza scientifica di una grave tossicita' del glifosato esista gia' e perché, in tal caso, a differenza del Tribunale di San Francisco, la UE abbia riapprovato la commercializzazione dell'erbicida in Europa per altri 5 anni. Prima puntata.

    Leggi Tutto
  • Vita sotto brevetto

    Vita sotto brevetto

    di Patrizia Marani

    Semi brevettati, una grave minaccia per la biodiversità e la sicurezza alimentari

    Nel ventesimo secolo, secondo dati FAO, ha avuto luogo una pericolosa perdita di biodiversità alimentare, ben pari al 78%. La biodiversità è il cardine su cui s'incentra sia la vita sulla terra sia la sicurezza alimentare umana. Quali sono le cause? E dove finiremo, di questo passo?

    Leggi Tutto
  • Alimentazione al secondo posto, i profitti al primo

    Alimentazione al secondo posto, i profitti al primo

     di Patrizia Marani

    Il cibo nel tempo della globalizzazione è primariamente una merce che arricchisce solo alcuni colossi dell'agroalimentare, mentre non e' piu' redditizio per gran parte di chi materialmente lo produce. Perche' mai? E quanto questo squilibrio influisce sui prezzi e sulla qualita' di cio' che mangiamo?

    Leggi Tutto
  • Etichetta trasparente: la posta in gioco

    Etichetta trasparente: la posta in gioco

    di Patrizia Marani
    AGRICOLTORI E CONSUMATORI, UNA STESSA BATTAGLIA PER LA QUALITA' ALIMENTARE Mentre nell’empireo dell’agrochimica si celebrano matrimoni multimiliardari con la benedizione dell’istituzione antitrust europea, cosa succede nei cieli più in basso, popolati da piccoli e medi agricoltori? Recentemente, GranoSalus, un’associazione di produttori e consumatori meridionali, è, per così dire, balzata agli onori della cronaca per controversi test da essa condotti su alcune delle più importanti marche di pasta italiane.
    Leggi Tutto
  • Questo matrimonio non s'ha da fare

    Questo matrimonio non s'ha da fare

    di Patrizia Marani

    Ma la UE da’ il via libera. Una nuvola minacciosa si sta allungando sul mondo dell’agricoltura mondiale e, conseguentemente, sulla qualità alimentare: una nuova fusione fra due colossi dell’agrochimica, Monsanto e Bayer, appena consacrata dalla Commissaria per la Concorrenza dell’Unione Europea, la danese Margrethe Vestager. Gli azionisti avranno certamente di che guadagnare da tale unione. E' assai dubbio, però, che ne traggano vantaggio pure le altre due parti in causa: agricoltori e consumatori. Perché? All’orizzonte, potere politico e di mercato ancora più concentrato. Di conseguenza, prezzi alle stelle, qualità alimentare in picchiata, grazie agli OGM che “finalmente” possono sfondare in Europa.

    Leggi Tutto
  • Dacci oggi i nostri germi quotidiani

    Dacci oggi i nostri germi quotidiani

    di Patrizia Marani

    L’immunità naturale del neonato, nel momento più formativo della sua vita, si troverebbe attualmente in una situazione ambientale fortemente alterata rispetto a quella in cui il sistema immunitario umano si sviluppò e venne forgiato alle origini: da una parte vi è una sua costante e aggressiva stimolazione con i germi morti o attenuati dei vaccini. Dall’altra parte, vi e' il problema della sterilizzazione eccessiva dell’ambiente circostante e dello stesso corpo umano.

    Leggi Tutto
  • Alluminio, tutte le fonti e come evitarle

    Alluminio, tutte le fonti e come evitarle

    A cura della Redazione

    L’alluminio è attualmente il metallo più comunemente e ampiamente usato sulla terra e si può essere esposti ad esso attraverso una miriade di fonti. La ricerca scientifica più recente, se da un lato ha trovato un collegamento sempre più certo fra esposizione all’alluminio e Alzheimer, dall’altro suggerisce che è possibile proteggersi dalla malattia e, addirittura, prevenirla riducendo l’esposizione all’alluminio nel nostro ambiente quotidiano. Conoscere il nemico per neutralizzarlo.

    Leggi Tutto
  • La cura segreta dell'alcolismo, il Metodo Sinclair

    La cura segreta dell'alcolismo, il Metodo Sinclair

    di Patrizia Marani

    Dall’alcolismo si può guarire. Esiste una cura con il 78 per cento di probabilità di riuscita, ma è praticamente sconosciuta e quasi inutilizzata, perché?

    L’alcol è una droga che uccide una persona ogni 10 secondi. Aperitivi, happy hours, brindisi a ogni ricorrenza: vino e bevande alcoliche sono associati nel nostro immaginario a momenti gioiosi, di festa, non al rischio che essi comportano. Eppure l’alcolismo è la terza piu' importante causa di morte al mondo, con 3 milioni e 300.000 morti ogni anno (OMS Report 2012).

    Leggi Tutto
  • Immunità di gregge: chimera o realtà?

    Immunità di gregge: chimera o realtà?

    di Patrizia Marani 

    La vaccinologia è una branca della medicina in piena fioritura. Nata per rinforzare le difese naturali di fronte a veri flagelli dell’umanità come il vaiolo, responsabile ogni anno fino agli anni ‘60 di decine di milioni di morti e invalidi, questa scienza medica ha allargato enormemente il proprio campo d’azione in un periodo storico in cui le malattie infettive pericolose, soppiantate dalle malattie croniche, paiono vieppiù un ricordo del passato. Perche' mai?

    Leggi Tutto
  • Pulito è uguale a tossico

    Pulito è uguale a tossico

    Come non creare una pulitissima camera a gas facendo le pulizie

    di Patrizia Marani

    Che soddisfazione rimirare la propria opera dopo una sfacchinata di diverse ore! Il pavimento brilla, la ceramica del bagno pure e sul lavandino non c’è ombra di sporco. Lo sportello dietro il quale si cela l’armata multicolore dei detersivi si chiude con un suono secco, sigillando la fine della nostra guerra battericida. Con un sospiro di soddisfazione ci buttiamo sul sofà, inalando a pieni polmoni il micidiale cocktail chimico che abbiamo immesso nell’aria e che sarà ben presto condiviso da tutta la famiglia, neonati e bambini inclusi.....

    Leggi Tutto
  • 5 domande per un allevatore

    5 domande per un allevatore

    di Federico Marino

    PARLIAMO DI CARNE "SOSTENIBILE" Non mangiare carne rappresenta un avanzamento di civiltà perché pone fine alla violenza sugli animali e non è più sostenibile per il pianeta? Sicuramente 7 miliardi di persone che mangiano ogni giorno carne e lo fanno più volte al giorno non sono sostenibili. Mangiarne poca, ma di qualità eccellente può essere il il segreto per ottenere una salute ottimale. Ma come conoscere davvero la qualità della carne che mangiamo? Le regole d'oro sono due: 1. conoscerne la provenienza; 2. porre all'allevatore alcune, fondamentali domande. 

    Leggi Tutto
  • Mortadella s-velata

    Mortadella s-velata

    di Patrizia Marani

    Togliamo il coperchio a come viene davvero prodotto il nostro cibo. Ricetta antica e moderna a confronto. Tutti gli additivi nocivi della mortadella industriale

    Che si tratti della fragrante mortadella fatta affettare al banco, o quella confezionata in vaschette di plastica già affettata, la famiglia italiana media consuma questo alimento della tradizione culinaria italiana in quantità, tanto è vero che in Italia se ne producono ben 174.000 tonnellate.

    Leggi Tutto
  • La rivoluzione delle forchette

    La rivoluzione delle forchette

    ovvero THE CHINA STUDY

    di Patrizia Marani

    Scrive T. Colin Campbell a proposito di uno studio memorabile da lui diretto: Eravamo in grado di accendere o spegnere lo sviluppo del cancro semplicemente variando i livelli di proteine animali nella dieta. Allo scorso "Sana" a Bologna è stato in collegamento video lo scienziato autore di The China Study, il libro che può scuotere l’alimentazione occidentale dalle fondamenta e, con essa, la perversa unione esistente fra governi, enti regolatori, una certa scienza e giganti dell’industria agroalimentare e farmaceutica.

    Leggi Tutto
  • Trattato di Parigi sul clima: la vera eredità

    Trattato di Parigi sul clima: la vera eredità

    di Federico Solimando

    “Il mondo non ha mai affrontato una sfida così grande". Il presidente francese François Hollande ha perfettamente ragione. Soprattutto alla luce dello storico accordo siglato alla COP21, la Conferenza mondiale sulla lotta al cambiamento climatico di Parigi, che si è appena conclusa e che ha fissato, sia pure con tutti i limiti del caso, un punto di svolta per il futuro ambientale della Terra. L'obiettivo dell’incontro era nientepopodimeno quello di evitare un disastro climatico globale: due sole settimane per decidere il futuro del nostro pianeta.  Ma qual è la reale eredità del trattato?

    Leggi Tutto
  • Carne tossica?

    Carne tossica?

    di IlReE'Nudo

    Il braccio armato dell’OMS contro il cancro, la IARC, dopo un’analisi approfondita di più di 800 studi scientifici, ha definito cancerogene le carni rosse e quelle lavorate, ma lo sono davvero?

    Quanto bisogna prendere sul serio la relazione dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro?

    Com’è possibile che alimenti basilari della dieta occidentale, mangiati per secoli dai nostri avi, siano cancerogeni? E che tocchi proprio a noi dovervi rinunciare?

    Leggi Tutto
  • Piatti (o biberon) di plastica? No, grazie!

    Piatti (o biberon) di plastica? No, grazie!

    di IlReèNudo

    Abbiamo già scritto tanto noi di Perché Bio sulla plastica, ma ora desideriamo approfondire assieme a voi la conoscenza di articoli d’enorme diffusione: stoviglie e posateria in plastica. Che cosa ci mangiamo o beviamo, assieme ad alimenti e bevande, quando usiamo piatti, bicchieri e posate di plastica?

    Leggi Tutto
  • Antico, sono ubriacato dalla voce ch'esce dalle tue bocche

    Antico, sono ubriacato dalla voce ch'esce dalle tue bocche

    di Patrizia Marani

    ..quando si schiudono
    come verdi campane e si ributtano
    indietro e si disciolgono. Eugenio Montale, Mediterraneo

    Leggi Tutto
  • Omega 3, il Re perduto

    Omega 3, il Re perduto

    di Patrizia Marani

    A PROPOSITO DI CARNE TOSSICA: oltre alla chimica usata nell'allevamento industriale, esiste pure un altro problemuccio, il fatto che animali erbivoli sono ora nutriti con cereali per farli aumentare di peso. Ciò ha comportato la perdita nella dieta umana dei preziosi Omega-3, un cambiamento tettonico della nostra alimentazione che può essere all'origine di parecchi malanni.  E' possibile però recuperarli scegliendo gli alimenti giusti e di cui conosciamo le modalità di coltivazione o allevamento.

    Leggi Tutto
  • Rifiuti alimentari: 6 consigli per fermare lo spreco

    Rifiuti alimentari: 6 consigli per fermare lo spreco

    Nella giornata mondiale dell'alimentazione, riceviamo da Helping e MyFoody - e pubblichiamo - il seguente comunicato stampa su come ridurre gli sprechi alimentari riducendo, di conseguenza, il budget da investire per nutrirci. Risparmiare sugli sprechi alimentari è anche un'opportunità per migliorare la qualità di quello che si acquista!  

    Leggi Tutto
  • Tutto
  • Bioedilizia
  • Bioenergia
  • Biolegislazione
  • Biowelness
  • Ecocittà
  • Iobevobio
  • Iomangiobio
  • Iovivobio
  • In ordine
  • Titolo
  • Data
  • Casuale

Acqua calda solare

collettore solare intro

di Patrizia Marani

Un impianto solare termico è un sistema in grado di trasformare l'energia solare in energia termica. Il calore può essere utilizzato per riscaldare l'acqua o gli ambienti. Questa tecnologia, sulla spinta del bisogno di risparmio energetico, è ormai da tempo in forte ascesa, ma è davvero conveniente? 

L'elemento primario di un impianto solare termico è il collettore o pannello solare che funziona sulla base del semplice principio che ogni superficie esposta alla radiazione solare si riscalda. La trasformazione della radiazione solare in energia termica è, infatti, un fenomeno spontaneo e quotidianamente verificabile che il collettore solare ottimizza catturando, a parità di radiazione solare, il massimo calore possibile. Il processo termodinamico alla base di questa tecnologia consiste nella trasmissione del calore da un corpo caldo, il sole, ad uno freddo, il fluido che scorre all'interno del pannello solare, generalmente acqua.

SchemaImpiantoSolareTermico-Full

Vi è una piastra captante che, grazie alle ottime capacità di conduzione di calore del materiale in cui è realizzata (rame, alluminio o acciaio),'cattura" la luce solare riscaldando l'aria o l'acqua presente all'interno del collettore. La capacità di captazione della piastra è esaltata da uno strato di vernice scura speciale applicato sul lato esposto alla luce solare e da una specie di effetto-serra artificialmente prodotto grazie ad una copertura trasparente – sovente in vetro - posta davanti alla piastra stessa (ne sono muniti gli impianti più complessi e costosi che, al contrario di quelli 'scoperti', consentono estrazione di calore per tutto l'anno). Il "coperchio" di vetro si opacizza con il calore emesso dalla piastra, intrappolando i raggi solari e accumulando calore che, a sua volta, viene assorbito dal collettore e da questi ceduto all'acqua.

La piastra captante, infatti, è dotata di una serie di canalizzazioni entro cui scorre un fluido termovettore (acqua miscelata ad antigelo) il quale trasporta il calore captato verso il serbatoio di accumulo, sulla spinta di una elettropompa. Quest'ultima è attivata dalla centralina unicamente quando la temperatura dell'acqua all'interno del collettore è superiore a quella raccolta nel serbatoio, garantendo in tal modo di non dissipare l'energia accumulata in caso di assenza di soleggiamento. Per eliminare le dispersioni di calore nelle parti laterali e quella retrostante, il collettore viene isolato con uno strato di materiale coibente.

I serbatoi di accumulo sono collegati sia al collettore solare attraverso una serpentina collocata in basso, sia ad una caldaia tramite un'altra serpentina posizionata in alto. Nel caso in cui l'impianto solare non riesca a far salire l'acqua a circa 40°, il calore fornito dalla caldaia attraverso la serpentina (sistema ausiliario) garantisce la giusta integrazione.

Intermittenza e fluttuazione: che fare la notte o quando è nuvolo?

Affinché l'impianto solare produca energia in modo soddisfacente non deve mancare la materia prima, i raggi solari. Foschia, nuvole, pioggia ne tagliano il rifornimento, che di notte cessa completamente. Come superare tale impasse?
La continuità della fornitura di energia è garantito da due componenti: il serbatoio di accumulo ed il riscaldatore ausiliario. Il serbatoio di accumulo permette d'immagazzinare del calore nei momenti di abbondanza solare e di utilizzare l'acqua calda quando il circuito solare rimane a secco. Nei casi di protratta mancanza di sole, la caldaia collegata con la serpentina funge da riscaldatore ausiliario, integrando la giusta quantità di calore.

Impianto solare termico, conviene?

Una giornata uggiosa non riesce, tuttavia, mai ad occultare completamente la luce del sole perché dovrebbe impedire al giorno di essere tale. Ciò fa sì che vi sia un apporto di calore continuo da parte dei collettori che, anche se non sufficiente a riscaldare l'acqua alla temperatura necessaria, la preriscalda, generando lo stesso un risparmio.

Gli impianti, inoltre, hanno ormai raggiunto la maturità tecnologica e sono ampiamente diffusi, paradossalmente proprio nel nord Europa. I collettori sono in grado di coprire il fabbisogno energetico pressoché totalmente durante i mesi estivi quando il sole brilla a pieno regime, ma continuano altresì ad apportare energia utile nella restante parte dell'anno, proporzionalmente alla presenza di luce solare.

POSIZIONE IDEALE  L'impianto va installato su una superficie, generalmente la copertura di un edificio, con un'inclinazione ottimale di 30° ed esposta a sud, sulla quale non si proiettino ombre di altri edifici o alberi. Orientamenti minimamente penalizzanti sono quelli da sud-est a sud-ovest.

QUANTA ENERGIA RENDE UN COLLETTORE SOLARE? Quanto più ci si avvicina alla situazione ottimale di posizionamento sopra esposta, tanto più l'impianto rende. L'efficienza di trasformazione in calore dell'energia solare è assai elevato, circa il 50%. Considerando un valore medio di insolazione annua di 1.318 kWh/m2 ed un coefficiente correttivo pari a 1,13, un metro quadro di impianto solare è in grado di produrre annualmente 745 kWh di energia termica utile. I collettori solari a tubi sotto vuoto hanno una resa superiore almeno del 25% rispetto a quelli piani.

I collettori solari sono particolarmente convenienti per i condomini e gli edifici pubblici, se dotati di un impianto centralizzato per la produzione di acqua calda, dato che i costi di alcuni componenti - ad esempio la centralina, il serbatoio e la rete di tubazioni - non sono proporzionali alla superficie captante installata.

Per uso residenziale, ipotizzando un consumo medio di acqua calda per persona di circa 50 litri/giorno e una situazione con disposizione corretta dei collettori solari - orientamento SUD, inclinazione 30°, senza elementi che oscurino la luce solare - si può prevedere l'installazione di una superficie captante utile pari a 1 mq per persona. Un impianto solare di una famiglia di 4 persone dovrà, pertanto, avere una superficie di circa 4 mq, risultante in una copertura totale di circa il 60% del fabbisogno annuo di energia.

MANUTENZIONE L'accesso all'impianto non deve essere difficoltosa per permettere la pulizia delle superfici trasparenti e il controllo della presenza dell'antigelo almeno una volta all'anno. Le spese di manutenzione sono nell'ordine dei 70-100 € l'anno.

COSTI  Quanto costa e qual è il ritorno economico dell'investimento derivante dall'adozione di un impianto solare termico? Controllare bene la spesa degli ultimi mesi delle bollette dell'energia elettrica e del gas metano per poter quantificare esattamente il proprio fabbisogno d'acqua calda ed il risparmio conseguibile con l'installazione dei pannelli solari.
Chiedere il preventivo di spesa, comprensivo del costo dell'installazione, a più di un'impresa qualificata del settore privilegiando la semplicità impiantistica e un facile accesso per la manutenzione, da effettuare - negli impianti di piccole dimensioni – personalmente, al fine di abbattere i costi.

Volendo avere un'idea generale dei costi, questi dipendono dalla tecnologia utilizzata (capacità serbatoio di accumulo per l'acqua calda, potenza e tipo di caldaia, collettori a tubi sottovuoto – più cari - o collettori piani) e dalla dimensione dell'impianto (superficie installata e/o numero pannelli solari).

Riprendiamo l'esempio di una famiglia di 4 persone con un consumo medio stimato di 200-250 litri d'acqua calda al giorno che corrisponde ad un consumo di energia di 3.000 kWh e ad una spesa elettrica di più di 520 € per anno (caldaia a gas: ca. 400 €).

Un impianto per 3-4 persone di massima qualità costa circa 4000 €. A tale cifra vanno aggiunte le spese d'installazione, trasporto e integrazione con la propria caldaia, in genere nell'ordine fra i 2.000 e i 4.000 €, in dipendenza delle difficoltà di montaggio.

L'incremento per l'integrazione con il sistema in uso viene risparmiato se il collettore è previsto già in fase di progettazione per un'abitazione nuova. In tal caso, il costo totale è di 6-8.000 €, montaggio incluso.

Ricordiamo che a tali costi vanno detratte le eventuali agevolazioni fiscali in base alla normativa del momento....che possono comportare anche un risparmio superiore al 50%. Per individuarle, consultare la Guida dell'Agenzia delle Entrate e cercare sul sito della vostra Regione l'esistenza di eventuali incentivi regionali.

Se la nostra famiglia installa un collettore solare e coprirà con esso mediamente il 60% del suo fabbisogno di acqua calda, il risparmio effettivo ottenuto sarà di circa 312 € all'anno, con un possibile ammortamento dell'investimento in circa 10 anni.

Un impianto solare termico perfettamente installato e ben manutenzionato può durare sino a 30 anni. Al risparmio personale, va aggiunto il risparmio d'emissioni di CO2 nell'ambiente.

Leggi " O sole mio"

Leggi "La vera storia delle biomasse"

Leggi: Esiste un nucleare pulito che potrebbe velocemente sostituire i fossili

Leggi  "La cattiva gestione delle risorse energetiche è all'origine del collasso delle civiltà...."

Leggi "Combustibili fossili, energia a basso costo, ma ad alto costo per la terra.."

 

 

 

 

bellaconbio

untitled.png

biolife

BIOSALUTE 2016